Home » Psicologia Forense

Quali sono gli ambiti di intervento della Psicologia Forense?

È dall’incontro della personalità con il diritto che nasce la branca specialistica della criminologia e della Psicologia Forense.

Collaboro con il Tribunale di Spoleto per Psicologia Forense

Lavoro come Consulente Tecnico d’Ufficio e di Parte, sia per i Tribunali Umbri nel settore civile e penale, sia presso il Tribunale Ecclesiastico Umbro.

Di seguito sono indicati alcuni degli ambiti di intervento della mia professione come psicologo forense:

  • Separazione coniugale, divorzio e affidamento dei figli
  • Mediazione familiare 
  • La valutazione del danno psichico
  • La valutazione di imputabilità e pericolosità sociale
  • Abuso sessuale
  • Criminologia Forense

Il rapporto tra Criminologia e Psicologia Forense

La criminologia è la scienza che studia i reati. Nello specifico essa studia:

  • Gli autori
  • Le vittime
  • I tipi di condotta criminale
  • La reazione sociale
  • Le forme possibili di controllo e prevenzione

È una disciplina sia teorica che empirica, sia descrittiva che esplicativa, sia normativa che fattuale.

La Criminologia Forense – da non confondere con la criminalistica (che si occupa dello studio delle tracce lasciate dall’autore di un delitto ai fini di una sua identificazione) – può essere definita come quella branca della criminologia che si occupa di ricostruire un evento delittuoso nella sua dinamica e nei suoi moventi. Inoltre essa si propone, valutando e utilizzando i risultati dell’investigazione scientifica, di approfondire l’elaborazione del profilo criminale dell’autore sconosciuto, di valutare l’attendibilità delle deposizioni testimoniali e delle risposte degli indagati in sede di interrogatori.

La criminologia si propone come scienza a un tempo multidisciplinare e interdisciplinare, il cui campo di indagine è costituito dai fatti criminosi, dallo studio degli autori dei delitti e delle differenti forme di reazione sociale al crimine. Comprende inoltre l’importante campo degli studi sulla vittima e sulle forme di devianza anche nelle sue manifestazioni non delittuose (Ponti,1999).
La criminologia clinica, o applicata (evitando il rischio di ricondurre tale settore al campo medico, con possibile patologizzazione intrinseca di crimini e criminali) consiste nella utilizzazione pratica delle conoscenze criminologiche nell’ambito del sistema della giustizia penale.
Il sapere richiesto in questa disciplina vede confluire non solo della formazione criminologica, ma pure di competenze psicologiche, sociologiche e psichiatriche..